Warning: fsockopen() [function.fsockopen]: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.aempayroll.com/home/public/wp-content/plugins/wp-slimstat/browscap.php on line 589

Warning: fsockopen() [function.fsockopen]: unable to connect to updates.browserproject.com:80 (php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known) in /web/htdocs/www.aempayroll.com/home/public/wp-content/plugins/wp-slimstat/browscap.php on line 589
Cig

Articoli marcati con tag ‘Cig’

Chiarimenti dal Ministero sulle ferie dopo la CIG

L’Interpello n.19 del 17 giugno 2011 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, risponde al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro in merito alla possibilità concessa al datore di usufruire degli ammortizzatori sociali in via immediata, posticipando al lavoratore il godimento del residuo ferie alla data di richiesta dei vari istituti di CIG. Il documento precisa che nei casi di CIG a zero ore, non sussiste la necessità di recuperare le energie psicofisiche cui sono destinate le ferie: il datore, quindi, può posticipare la fruizione delle ferie al momento di cessazione dell’evento sospensivo e la ripresa dell’attività produttiva. Nei casi di CIG parziale, invece, non è legittimo differire la concessione di ferie, residue ed infrannuali, perchè va garantito al lavoratore il ristoro psicofisico per l’attività svolta, anche se ridotta.

Riferimenti legislativi:
Interpello n.19 17 giu 11_Ministero Lavoro e Politiche Sociali

E’ legittimo assegnare mansioni inferiori al rientro dalla CIG

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 23926 del 25 novembre 2010, ha considerato legittima la scelta di assegnare al dipendente mansioni inferiori  al rientro dalla  cassa integrazione, per evitarne il licenziamento. La Suprema Corte ha specificato che è sufficiente che il lavoratore manifesti un comportamento che renda comprensibile in modo inequivocabile la sua volontà di accettare le nuove mansioni.

Riferimenti legislativi:

Sentenza n.20357 del 28 settembre 2010 della Corte di Cassazione

 

Lavoratori in Cig, riqualificazione attraverso il lavoro

Possono svolgere la formazione per riqualificarsi anche attraverso il lavoro in azienda, i lavoratori destinatari di un trattamento di sostegno al reddito, se il lavoro svolto è collegato all’apprendimento. L’incentivo alla conservazione e alla valorizzazione del capitale umano nelle imprese è contenuto nella legge 102/09. Tra sostegno al reddito e integrazione dell’azienda il lavoratore può contare sul suo “normale” stipendio. Affinché i progetti di formazione o riqualificazione siano finanziati è necessario che il datore di lavoro sottoscriva un accordo con le parti sociali con le quali è stata raggiunta l’intesa per l’utilizzo degli ammortizzatori. Il datore deve comunicare all’Inps i nominativi dei lavoratori interessati dai progetti entro 30 giorni dalla stipula dell’accordo e prima dell’inizio della formazione. Le imprese potranno recuperare le somme spese per la formazione dei lavoratori sospesi dal lavoro e percettori di trattamenti integrativi del reddito che, anche nel corso del 2009, abbiamo partecipato a progetti formativi.

Riferimenti legislativi:
Legge 102 3 ago 09

Newsletter


  • WP SlimStat